Cos'è l'osteopatia?

L'Osteopatia è un metodo terapeutico naturale e scientifico, complementare alla medicina tradizionale. Una medicina manuale basata su una profonda conoscenza dell’anatomia e della fisiologia del corpo umano.

L'Osteopatia consiste nell'applicazione di tecniche manipolatorie molto precise, non utilizza farmaci, non cura solo il sintomo, ma si concentra sulla ricerca e sul trattamento della causa.

Fondata negli Stati Uniti alla fine del 1800 dal Dott. Andrew Taylor Still, l'Osteopatia pone l'accento sull'importanza dell'unità fra corpo, mente e spirito e la necessità per il medico di comprendere la stretta relazione che intercorre fra l'anatomia di una persona e la sua fisiologia.

L'Osteopatia si fonda sul principio che il corpo umano contiene in sé una capacità di auto-guarigione e che quando tale capacità non si attiva, significa che è in atto una disfunzione nelle relazioni al suo interno, fra struttura (colonna vertebrale) e funzione (sistema nervoso).

L'Osteopatia mira quindi all'individuazione e al ripristino del naturale equilibrio delle funzioni corporee, favorendo la capacità innata del corpo a mantenersi in salute.

E' una medicina riconosciuta?

L'Osteopatia è riconosciuta nel 2002 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che pubblica nel 2010 i parametri di riferimento per la formazione in Osteopatia. Negli Stati Uniti la figura dell'Osteopata è equiparata a quella del medico chirurgo. In alcuni paesi europei l'Osteopatia è riconosciuta e regolamentata. In Italia si sta procedendo rapidamente nella stessa direzione e sono in atto proposte di legge che mirano a definire e regolamentare l'Osteopatia e gli osteopati attraverso l'istituzione di un albo ufficiale, con l'individuazione di titoli di studio e scuole di preparazione riconosciute a livello nazionale.

Come funziona e quali vantaggi porta?

Pur operando parallelamente e facendo riferimento alla medicina tradizionale, l'Osteopata utilizza, per valutazioni e terapie, un metodo manipolatorio. Il trattamento osteopatico consiste quindi in una combinazione di tecniche manuali volte a ricercare e ripristinare disfunzioni e disequilibri nella struttura del corpo.

L'Osteopatia non cura solo il sintomo ma ricerca la causa prima del malessere, che può distanziarsi dal punto di dolore. L'obiettivo è quello di risolvere il problema in via definitiva, ristabilendo l'equilibrio del corpo e ritrovando salute e benessere.

Che tipo di disturbi tratta l'Osteopatia?

L'Osteopatia si occupa del benessere dell'organismo in un ottica globale. Di conseguenza le problematiche trattate sono moltissime e spaziano dai disturbi più comuni come il mal di schiena o il classico colpo della strega a disturbi femminili come i dolori mestruali o della gravidanza, compresi malesseri derivanti dalle forme di stress oggi molto diffuse, come dermatiti o gastriti, ansie, attacchi di panico, stanchezza cronica insonnia.

Perché preferire un trattamento osteopatico?

L'Osteopata considera il paziente nel suo complesso. Pur operando nell'immediatezza per alleviare il sintomo, si adopera per cercare la causa.

Proprio in virtù di questa visione ampia, l'Osteopatia offre spesso soluzioni alternative efficaci, che non rientrano nella preparazione della medicina tradizionale.

Dove ripetuti trattamenti farmacologici falliscono o danno un temporaneo sollievo sempre più labile, spesso l'Osteopatia risolve.

L'Osteopatia offre anche l'indubbio vantaggio di non utilizzare farmaci, può quindi agire parallelamente a una terapia farmacologica o laddove i farmaci non agiscono.
In alcuni casi l'Osteopatia si è rivelata come valida alternativa all'intervento chirurgico.

A che età ci si può rivolgere all'Osteopata?

In virtù della loro delicatezza e rispetto per il corpo, i trattamenti osteopatici possono aiutare l'organismo umano durante tutte le fasi della sua vita, agendo se necessario fin dall'utero materno: non solo come terapia, quindi, ma anche come prevenzione.
Dai neonati alle donne in gravidanza. Dai bambini agli adolescenti durante lo sviluppo. Fino ai disturbi più comuni della terza età, i trattamenti osteopatici sostengono, prevengono e aiutano l'organismo umano.

Come si diventa Osteopata?

Per diventare Osteopata attualmente è necessario frequentare un percorso formativo che dura sei anni. Va sottolineato che il bravo Osteopata affronta un percorso di studio che non ha un termine: anni di formazione e pratica conducono l'Osteopata a sviluppare sempre meglio la sensibilità palpatoria e ad acquisire sempre più umiltà, comprensione, empatia fattori necessari insieme alla conoscenza, per aiutare a ripristinare un nuovo stato di salute.

Registro degli Osteopati d'Italia